Frauenkirche, la cattedrale di Monaco

La stupenda Cattedrale di Monaco è famosa per le sue altissime guglie, le tombe dei re e per un imbroglio che fece arrabbiare il Demonio.

Ampia e solenne, la Cattedrale di Monaco, nota come Frauenkirche, è uno dei simboli della città nonché un chiaro punto di riferimento. Quasi ovunque vi troviate nel centro storico, vedrete svettare nel cielo di Monaco i celebri campanili gemelli della cattedrale, alti 99 metri e caratterizzati dalla punta a cipolla.

Frauenkirche, il cui nome completo in tedesco è Dom zu unserer lieben Frau, viene considerata il centro spirituale della città ed è sicuramente una delle più belle chiese che potete visitare durante una vacanza a Monaco.

Ciò che rende famosa questa chiesa quattrocentesca però è una curiosa leggenda che racconta come l’architetto che costruì la chiesa riuscì a beffare il demonio.

Lasciate anche voi la vostra impronta, magari – se siete coraggiosi – a fianco di quella del diavolo.

Un po’ di storia

I lavori di costruzione della Cattedrale di Nostra Signora iniziarono nel 1468 e durarono vent’anni, ma le celebri torri vennero aggiunte solo successivamente, nel 1525.

La chiesa venne seriamente danneggiata durante la Seconda Guerra Mondiale e molte delle originali vetrate furono distrutte.

Visita alla Frauenkirche

La Frauenkirche di Monaco appare dall’esterno sinuosa e slanciata; l’interno a tre navate è piuttosto spartano, risultato degli ingenti danni subiti dalla chiesa nel corso della guerra. Questo non significa che l’interno sia di poco interesse, anzi merita senz’altro una visita.

Una delle opere che attirano maggiormente l’attenzione è il mausoleo di Ludovico IV detto il Bavaro, primo membro della dinastia Wittelsbach a diventare imperatore del Sacro Romano Impero. Quattro cavalieri inginocchiati ai piedi del sarcofago rappresentano la pace e la guerra, mentre l’imperatore è raffigurato da una statua a grandezza naturale di un uomo che, con aria severa, brandisce una magnifica spada.

Nonostante il nome possa trarre in inganno, Ludovico IV non fu il successore di Ludwig III: quest’ultimo fu infatti l’ ultimo re di Baviera e cugino del più celebre Ludwig II. Il suo corpo è seppellito nella cripta della Frauenkirche, assieme a quelli di altri esponenti della nobile famiglia Wittelsbach.

Notate anche le placche di bronzo dei papi moderni, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, affisse sui pilastri della cattedrale.

È possibile salire sulla torre meridionale per una veduta panoramica sulla città.

L’impronta del diavolo e le finestre della chiesa

Secondo una celebre leggenda l’architetto che progettò la cattedrale di Monaco fece una scommessa con il diavolo, impegnandosi a fare una chiesa senza finestre. A costruzione ultimata, il Diavolo venne a controllare e vide che la chiesa, seppur luminosa all’interno, non aveva finestre.

L’architetto riuscì a gabbare il diavolo grazie ad un effetto ottico. I pilastri delle chiesa sono infatti posizionati in modo tale che dal punto in cui si trova la cosiddetta “impronta del diavolo” non si vedono le vetrate.

La leggenda narra anche che, fatto un passo avanti, il diavolo si accorse di essere stato imbrogliato e scatenò una tempesta di vento. Nei giorni freddi, quando il vento soffia forte nei dintorni della Fraukirche, sembra davvero di sentire la rabbia del demonio.

Mappa

Alloggi Frauenkirche, la cattedrale di Monaco

Cerchi un alloggio in zona Frauenkirche, la cattedrale di Monaco?

Clicca qui per vedere tutte le strutture disponibili nei dintorni di Frauenkirche, la cattedrale di Monaco
Mostrami i prezzi